IL MIGLIOR DRIVER WRC: EXPERT VIEW

Dopo l’incoronazione di Carlos Sainz come il più grande pilota WRC di tutti i tempi qui su wrc.com, abbiamo invitato lo scrittore dello staff senior DirtFish David Evans, uno dei panel di esperti giornalisti del concorso, a delineare le sue idee sul risultato.

Ricordo di essermi trovato a Villa Carlos Paz a riflettere sulla vittoria del Rally Argentina del 2004 di Carlos Sainz con Marcus Grönholm. Mi sono avventurato nell’alto finlandese che la vittoria del suo rivale spagnolo, a 42 anni, potrebbe essere stata una sorpresa.

Grönholm rifletté per un momento, poi sorrise. E annuì.

“Lo so”, ha detto. “Stavo pensando un po ‘lo stesso. Da dove viene Carlos? È venuto da dietro l’albero? ”

Sarebbe del tutto sbagliato descrivere Sainz come vincitore a sorpresa in The Greatest WRC Driver. Invece è la vera testimonianza della sua abilità e del fascino globale a tutto tondo che ha progredito attraverso la competizione e si è sbarazzato di 20 titoli mondiali.

Superare Hannu Mikkola significava uno scontro diretto con Tommi Mäkinen, seguito da Sébastien Ogier e, infine, da Sébastien Loeb. Li ha battuti tutti.

Sono felice per lui. Troppo spesso siamo veloci a spostare l’etichetta “leggenda” nella direzione di qualcuno che ha fatto qualcosa. Sainz ha fatto tutto. Ha vinto raduni, campionati, Dakars, il lotto. Ha ridefinito il modo in cui i team hanno superato i test e ha portato tutto a un altro livello.

Fuori dall’auto, è un pilota che ha colto le sfumature commerciali del nostro sport ben prima dei suoi contemporanei. Ancora oggi, quando sei al suo fianco, sai fin troppo bene che sei in compagnia di un vero grande.

Dal mio cuore, volevo che Colin McRae vincesse. Sono cresciuto seguendo la famiglia più veloce di Lanark e ancora mi godo un momento per parlare con Alister o Jimmy, Margaret o Alison.

Sono rimasto davvero sbalordito quando Colin è stato eliminato così presto e ho pensato, da quel momento in poi, tutto era rivolto verso una finale tutta francese, tutta super Sébastien.

E, con 15 titoli tra loro, come avrebbe potuto chiunque discutere contro le forze galliche che hanno governato il nostro mondo nell’ultimo decennio e mezzo. Ma quando Sainz è arrivato, ha dimostrato la capacità dei fan di tutto il mondo di guardare più a lungo e più duramente le generazioni.

Diciamo la verità. Loeb, Ogier, Sainz o McRae sarebbero stati tutti degni vincitori, ma vederlo andare per El Matador è stato un riconoscimento per un uomo che ha completamente trasceso l’arena in cui ha combattuto.

 


[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *