SOLBERG: “SONO STATO QUASI MANDATO A CASA”

Perché il futuro campione del mondo Petter Solberg è stato quasi costretto a fare i bagagli solo dalla sua seconda partenza nel WRC con un team ufficiale per aver guidato troppo veloce?

Sembra un po’ inverosimile per essere vero? No, è solo un’altra avventura nella straordinaria carriera di Mr Hollywood.

Nel 1999 come novellino, desideroso della Ford, l’allora 24enne Solberg fu arruolato all’ultimo minuto nella line-up Safari Rally di Blue Oval per il suo debutto in Focus World Rally Car insieme a un team illustre -Colin McRae.

Il capo del team Malcolm Wilson ha inviato il tre volte vincitore del Safari Fred Gallagher in Kenya per fornire esperienza al giovane norvegese e per tenere sotto controllo il suo ritmo indiscusso sulle strade della Rift Valley.

Il piano è andato rapidamente nel caos dopo che l’entusiasmo di Solberg ha avuto la meglio su di lui e ha stabilito un tempo straordinario nello shakedown pre-evento, che ha più che messo alla prova la capacità di Wilson di mantenere la calma nel caldo torrido.

“Mi ha quasi mandato a casa!” Lo dice Solberg a Becs Williams in un’affascinante intervista per l’ultimo podcast WRC Backstories.

“Ero troppo veloce durante lo shakedown. Aveva assolutamente ragione. Ero una persona molto sensibile, quindi è difficile affrontare quel mondo quando vieni da questa piccola fattoria in Norvegia nel Mondiale, quindi è stato un grande passo. Non avevo nessuno a cui chiedere o da cui imparare. In un certo senso me lo sono meritato “, ha spiegato Solberg, che ha imparato la lezione e ha concluso quinto dopo una guida straordinaria.

Solberg ride mentre ricorda che McRae e Carlos Sainz gli avevano detto di stare zitto quando si erano stancati di lui che faceva continuamente domande nel tentativo di imparare. Ma il norvegese ha stretto una solida amicizia con McRae, che ha vinto il titolo WRC 25 anni fa (22 novembre).

“Essere in squadra con Colin e Carlos è stata una grande cosa. Colin è stato così gentile con me e mi ha aiutato. Ci allenavamo molto insieme e andavamo molto a cena. Si è preso cura di me, quando ero in panico, a volte con incidenti. È stato un buon aiuto motivazionale da parte sua perché penso che sia stato anche lui stesso, forse su una scala diversa. È stato bello avere questo sentimento di amicizia ”, riflette Solberg.

Come sempre con Solberg, l’intervista presenta alcune storie esilaranti, tra cui l’acquisto della sua prima macchina da rally e il suo debutto con la moglie del fratello Henning Maud, al posto del copilota.

Parla anche dei suoi tentativi di indirizzare il figlio Oliver nel calcio, nel tennis o nell’hockey sul ghiaccio prima che il problema degli sport motoristici e del suo sogno di portare più produttori nel WRC.

 


[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *