Rassegna di Toyota Gazoo Racing per la Stagione WRC 2020

Per quattro rally, il sogno finale sembrava realizzarsi. 

In testa alle classifiche FIA ​​World Rally Championship dei piloti e dei costruttori, Toyota Gazoo Racing era sulla buona strada per completare il doppio per la prima volta dal 1994.

Alla fine, la squadra con sede in Finlandia ha dovuto accontentarsi di Sébastien Ogier (sopra) ed Elfyn Evans che finivano uno-due. Non è un brutto risultato, tuttavia.

La Yaris non sembrava proprio il rullo compressore (nel modo più carino possibile …) sembrava fino al 2019, quando Ott Tänak sembrava vincere quasi a volontà.

E i nasi in Giappone e Finlandia sarebbero stati messi fuori gioco da una cocente vittoria Hyundai sulle strade più veloci della stagione in Estonia, calpestando molto saldamente le dita dei piedi della Yaris a Tartu.

Il potenziale per Puuppola di progettare e costruire una nuova Yaris solo per il 2021 probabilmente ha causato qualche distrazione nel primo trimestre, prima che fosse concordato che l’attuale macchina potesse fare il giro e vedere la sua omologazione alla fine di questa stagione.

Senza dubbio lo spettro della Toyota che evolve la Yaris 2020, progettando una nuovissima auto 2021 e pensando all’auto ibrida 2022 allo stesso tempo è stata una ragione sufficiente per alcune notti insonni di inizio stagione …

La buona notizia nel primo trimestre è stata il ritmo, il potenziale e l’abilità della nuova formazione di piloti. L’impatto della perdita di Tänak è stato eroso dalla firma di Ogier, ma sono stati Evans e un Kalle Rovanperä di 19 anni a fare i primi titoli.

Il gallese ha guidato gran parte del Rallye Monte-Carlo prima di una vittoria al secondo round in Svezia. È stato a Torsby che l’adolescente precoce ha portato il sorriso più grande ai volti finlandesi, quando ha portato il compagno di squadra e sei volte campione del mondo Ogier per l’ultimo gradino del podio dopo una corsa sorprendente verso la sua prima vittoria nella Wolf Power Stage.

Ogier ha fatto il suo passo e si è trovato a suo agio con la Yaris in Messico, dove ha ottenuto la sua prima vittoria con la squadra ed è passato al comando del campionato.

Il titolo piloti è rimasto un affare tutto Toyota mentre si dirigeva verso un climax del nord Italia a Monza, dove Ogier ha trasformato la prestazione di un campione per ottenere un settimo titolo – con grande angoscia di Evans e dei suoi sostenitori.

Non è mai facile per un produttore arrivare a una stagione con tre nuovi piloti. Certo, il collaudatore della Toyota Juho Hänninen non è mai stato lontano, ma ci sarà molta più familiarità con l’avvicinarsi della formazione al secondo anno.

E, lungi da ogni segno di disprezzo, quella familiarità servirà bene alla Toyota e genererà ulteriore fiducia e velocità dal trio Yaris.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright T.V.R. © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.