Rallye MonteCarlo 2021 Day 2: Evan sotto attacco dal maestro di MonteCarlo Ogier

Elfyn Evans ha guidato il Rallye Monte-Carlo dopo la seconda tappa di venerdì, ma il gallese era sotto forte pressione da parte del campione del mondo arrabbiato Sébastien Ogier.

Evans aveva un vantaggio di 7,4 secondi sul suo compagno di squadra Toyota Yaris, ma Ogier si profila allo specchio posteriore di Evans dopo uno straordinario recupero da una foratura che gli è costato il comando.

Risolto il problema ai freni che lo ostacolava ieri, Ogier è stato imperioso sulle strade delle Alpi francesi vicino a Gap per vincere tutte e tre le prove di velocità mattutine e salire dal quinto al primo.

Il suo vantaggio di 11,3 secondi su Evans è stato annullato dopo che è andato in testacoda e ha concluso il test di apertura di questo pomeriggio con la ruota anteriore sinistra sul cerchio. È precipitato al terzo posto, a 23,4 secondi dalla deriva, ma il frustrato francese si è ripreso per riguadagnare 16,0 secondi vincendo la prova finale.

Notevole il recupero di Ogier che ha guidato l’ultima tappa con un mix sbilanciato di tre pneumatici invernali Pirelli e uno chiodato sulla sua Yaris.

“Sono qui per vincere questo rally, quindi lo vincerò”, ha detto Ogier. “Stavo spingendo nella fase finale perché ero arrabbiato. Le condizioni erano molto difficili con molta pioggia e abbiamo dovuto portare una gomma chiodata sulla macchina. Dopo un paio di chilometri iniziava a muoversi nella parte posteriore. “

Le condizioni sono cambiate tutto il giorno, complicando la scelta degli pneumatici. Un misto mattutino di strade umide e ghiaccio ha lasciato il posto a pioggia e fango persistenti questo pomeriggio.

Evans non è mai uscito dai primi tre volte e ha vinto il penultimo test, ma una ruota danneggiata ha significato che ha guidato la fase finale con la stessa miscela di pneumatici sbilanciata di Ogier. Era il sesto più veloce.

“Quando le condizioni diventano più estreme, più scivolose, sto lottando per quell’ultimo po ‘di sensazione e non ho la sicurezza di cui ho bisogno per spingere”, ha ammesso. “Seb ha avuto una giornata fantastica. Ha corso molti rischi e forse io non ne ho presi abbastanza. Sappiamo che c’è un piccolo vantaggio nel correre per primo su strada, ma per essere onesti con lui non era 16 secondi “.

Il leader della tappa 1 Ott Tänak era più indietro di 17,5 secondi, terzo. La Hyundai i20 dell’estone ha perso potenza negli stretti tornanti di questa mattina ed è stato impotente a respingere la carica di Ogier portandolo al secondo posto nella fase finale quando i suoi vetri si sono appannati.

Kalle Rovanperä, quarto posto, ha inserito tre Yaris tra i primi quattro, il finlandese 53,1 secondi dietro Evans. Ha preso il comando nel test di apertura della mattina, ma un mix di peggioramento delle condizioni stradali e una penalità di 10 secondi per essere arrivato in ritardo alla SS4 lo ha lasciato cadere nell’ordine.

È scivolato in campo all’inizio del penultimo test, ma ha recuperato per retrocedere Thierry Neuville al quinto posto nella fase finale. Solo 6,0 secondi hanno diviso il duo, Neuville si gode un pomeriggio migliore dopo aver faticato questa mattina con una scelta di pneumatici scadente.

Il compagno di squadra Dani Sordo ha gareggiato tra i primi sei per altri 50,5 secondi. Aveva poca fiducia nella manovrabilità della sua vettura dopo aver commesso lo stesso errore di selezione delle gomme di Neuville, ma una scelta più equilibrata questo pomeriggio ha ringiovanito lo spagnolo.

Il leader della WRC2 Andreas Mikkelsen si è classificato settimo su Skoda Fabia, davanti a Yaris di Takamoto Katsuta. Adrien Fourmaux è stato nono su una Ford Fiesta WRC2 davanti alla versione World Rally Car di Gus Greensmith, il britannico tutto in mare in condizioni difficili.

Pierre-Louis Loubet si è ritirato dopo aver schiantato pesantemente la sua i20 contro una parete rocciosa in frenata per un arpione nella fase finale.

Il sabato porta un altro inizio anticipato con La Bréole – Selonnet che lancia la giornata nell’oscurità alle 06.30. Saint Clément – Freissinières precede il servizio finale a Gap, prima che una ripetizione della prova di apertura inizi il lungo viaggio a sud verso Monaco dopo 57,10 km di gara.

• La copertura completa del Rallye Monte-Carlo sarà disponibile su WRC + All Live  qui, comprese tutte le trasmissioni in tempo reale, nonché le interviste chiave, le caratteristiche e l’analisi degli esperti dal parco servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright T.V.R. © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.