Ogier assapora la vittoria record del MonteCarlo 2021

Momenti speciali sono arrivati ​​velocemente per Sébastien Ogier durante una carriera eccezionale che ha valso al francese sette titoli mondiali piloti finora.

Ma la vittoria di domenica al Rallye Monte-Carlo, un ottavo successo record in una delle grandi classiche del motorsport e una 50a vittoria del Campionato del mondo di rally FIA, è stata quella che ha raggiunto il vertice dei suoi successi.

Ogier ha ritardato il suo ritiro nel WRC di un anno in più nella speranza di occasioni come questa e l’uomo nato a poco più di un tiro di schioppo dalla città ospitante di Gap nelle Alpi francesi, ha faticato a tenere sotto controllo le sue emozioni al traguardo di Monaco.

“Questo è il rally che mi ha dato il sogno di diventare un pilota un giorno. Il rally che ho visto da bambino e allora, stavo sognando solo un giorno di avere la possibilità di farlo”, ha spiegato. Ha molto significato per me, e questo è anche il motivo per cui ero piuttosto emozionato sul podio. Collezionare otto trofei da questo rally è qualcosa a cui non avrei mai pensato e ne sono molto orgoglioso. Questo posto è sempre stato unico per me per molte, molte ragioni. Il mio idolo era Ayrton Senna e ha ancora il record qui [di vittorie in Formula 1] e mi unisco a lui un po ‘con questo record e questo mi rende orgoglioso, la cui vittoria lo ha portato davanti a Sébastien Loeb nei vincitori del Monte elenco.”

I problemi ai freni della prima gamba hanno tenuto Ogier al quinto posto, ma venerdì si è precipitato in testa, solo per tornare indietro quando una gomma a terra ha permesso al compagno di squadra della Toyota Gazoo Racing Elfyn Evans di spostarsi in testa.

Una corsa coraggiosa durante il test prima dell’alba di sabato su strade ghiacciate da La Bréole a Selonnet ha spinto il maestro del Monte di nuovo in testa. Non è mai più andato di testa, raggiungendo il podio del porto di Monaco con un vantaggio di 32,6 secondi su Evans.

“Abbiamo reagito rapidamente per tornare in battaglia e non capita spesso di questi tempi che si vedano differenze nei tempi di tappa come questo. Ovviamente ero felice di vedere che potevo fare la differenza quando spingevo. Sicuramente è bello iniziare la stagione in questo modo”, ha riferito.

Un grave incidente nei test pre-evento ha lasciato Ogier a corto di esperienza con i nuovi pneumatici Pirelli, ma si è adattato rapidamente in quello che è stato il Rallye Monte-Carlo più breve nei suoi 110 anni di storia a causa delle restrizioni pandemiche, ma più duro che mai.

“Sono arrivato qui con forse 10 km di esperienza con le gomme slick, quindi non è stato così facile, ma ha funzionato. La sensazione è stata sicuramente molto buona questo fine settimana in macchina “, ha aggiunto Ogier.“È stato decisamente difficile. Un po ‘più corto del normale in termini di chilometri, ma per le condizioni è una delle più dure che ho dovuto affrontare. Era così difficile da leggere. L’equipaggio gravel stava passando, a volte, condizioni molto diverse da quelle che avevamo e il livello di aderenza a volte era incredibilmente basso”.

Rivedremo Ogier sulle strade alpine per un’apparizione unica? “C’è una forte possibilità che ricominci questo rally in futuro. Il campionato non è più nella mia lista, ma i rally come Monte-Carlo possono ancora esserlo”, ha affermato sorridendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright T.V.R. © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.