Scandola vince al Rally Adriatico 2021 [Results]

In coppia con Guido d’Amore ha portato al successo la Hyundai i20 R5 al termine di una gara perfetta. Podio completato da Bresolin, secondo, e Campedelli, terzo.

24.04.2021 – Il 28° Rally Adriatico porta ancora la firma di Umberto Scandola. Il pilota veronese, in gara per prepararsi in vista dell’impegno 2021 nel FIA European Rally Championship con la Hyundai i20 R5 di Hyundai Rally Team Italia navigato da Guido d’Amore, ha conquistato una vittoria netta mai veramente in discussione.

Vincitore di 5 prove speciali su 9, il veronese ha aggiunto un’altra tacca nel suo palmares, presentandosi sul traguardo di Cingoli con 17.3 secondi di vantaggio sugli inseguitori. Bello il secondo posto di Edoardo Bresolin e Rudy Pollet (Škoda Fabia R5/Hawk Racing Club) che hanno disputato una gara davvero concreta valsa loro anche il successo nella Coppa Rally di Zona. Il loro passo gara è stato efficace fin da subito, hanno evitato gli errori e nell’ultimo giro di prove hanno tenuto testa al ritorno di Simone Campedelli che con Gianfranco Rappa (Volkswagen Polo GTi R5/Island Motorsport) è stato poi terzo assoluto, con 22.9 di divario dalla vetta, dopo aver sperimentato diverse soluzioni con i nuovi pneumatici MRF Tyres.

“Finalmente una gara degna del team – ha commentato Scandola all’arrivo – mancava nella nostra bacheca da due anni e averla riportata a casa con Hyundai, Pirelli e WithU è decisamente una bella soddisfazione. Abbiamo lavorato molto affinando il feeling con questa vettura, c’è ancora da lavorare ma sappiamo che il potenziale è buono. Questa era una gara spot, il nostro obiettivo resta l’Europeo, ma continuare nel Campionato Italiano Rally Terra potrebbe non essere escludibile”.

A tenere banco è stata la grande selettività di questa edizione che ha sfoltito in maniera importante i possibili protagonisti, rimasti traditi da un percorso tecnico e veloce, come nella migliore tradizione del Rally Adriatico. Il primo ad alzare bandiera bianca è stato il vincitore 2020 Paolo Andreucci, fuori sulla PS1 con uno spettacolare incidente senza conseguenze per l’equipaggio. L’undici volte campione italiano, al via con la Škoda Fabia R5 gommata MRF Tyres per la M33, non ha così potuto esprimere tutta la sua determinazione dopo uno shakedown in cui aveva segnato tempi di assoluto valore.
Anche Giacomo Costenaro, con Justin Bardini su Hyundai i20 R5 (Hawk Racing Club), si è dovuto fermare all’inizio del secondo giro per una toccata che ha piegato il braccetto posteriore sinistro.

Colpi di scena a ripetizione sulla PS4. Bruno Bulacia, autore fino a quel momento di un’ottima gara e secondo in rimonta a soli 3.1 secondi da Scandola, è uscito di strada poco dopo lo start. Lui e il navigatore Rogelio Panate sono usciti senza problemi dalla Škoda Fabia R5 Evo della Meteco Corse, recriminando per quello che avrebbe potuto essere. Il loro ritiro ha permesso ad Alberto Battistolli di salire per un attimo al terzo posto, ma anche il driver vicentino si è dovuto fermare nello stesso punto del boliviano, rimasto letteralmente incastrato in una canaletta senza possibilità di poter liberare la vettura. Peccato perché Battistolli, con la Škoda Fabia R5 Evo della Scuderia Palladio insieme a Pietro Ometto, aveva appena vinto la PS4, dimostrando di poter essere della partita tra i migliori.

A chiudere la top ten al termine è toccato quindi ad un ottimo Andrea Dalmazzini, rientrato in R5 dopo quasi due anni con la Ford Fiesta R5 MKII (Modena Racing Team) e Andrea Albertini alle note. Quarto al termine, Dalmazzini si è tolto la soddisfazione di vincere ben tre prove speciali tra cui l’ultima che gli ha consentito di meritare il Trofeo Andrea Dini. Quinto posto per Luigi Ricci e Alessandro Biordi con la Hyundai i20 R5 (Movisport) gommata Yokohama, sesti Giuseppe Dettori e Carlo Pisano (Škoda Fabia R5/Team Autoservice) davanti a Tonso-Bonato (Škoda Fabia R5), Andervang-Kjellgron (Škoda Fabia R5 Evo/Rallyonline.se), Cobbe-Turco (Škoda Fabia R5 Evo) vincitori anche tra gli Over 55 e Pollara-Mangiarotti (Citroen C3 R5/CST Sport).

Undicesimo posto, per un soffio fuori dalla top ten, per Tamara Molinaro e Piercarlo Capolongo (Citroen C3 R5/Gass Racing) che hanno conquistato la classifica femminile davanti a Rachele Somaschini e Nicola Arena (Citroen C3 R5). A conquistare il Trofeo Loris Roggia, che ha premiato il migliore navigatore under 25, è stato il belga Loic Dumont, in equipaggio con Maxime Potty con la Ford Fiesta Rally 2 della TM Competition.

Onore al merito per Giovanni Passarelli ed Emiliano Angelo Ferrigno, su Subaru Impreza della Alex Group, primi marchigiani al traguardo. Ritirato invece l’equipaggio di Cingoli composto da Gilberto Palazzi e Mattia Bartolucci (Renault New Clio/Scuderia San Marino) usciti di strada, senza conseguenze per l’equipaggio, sulla PS3.

Tutte le classifiche sono disponibili sul sito www.rallyadriatico.it

“Siamo davvero molto soddisfatti – ha commentato Oriano Agostini di PRS Group – è stata un’edizione da record per noi con 121 iscritti comprese tutte e tre le gare e siamo riusciti, grazie alla direzione di gara condotta da Simone Bettati e a tutto lo staff, a portare a termine un ottimo weekend, credo degno inizio del Campionato Italiano Rally e ottimo appuntamento del Campionato Italiano Rally Terra Storico e del Campionato Italiano Cross Country e SSV. Ancora un grazie ai nostri partner e alle amministrazioni comunali coinvolte, in primis il Comune di Cingoli, contesto sempre magico per il Rally Adriatico”.

Continua la lettura sui seguenti articoli per scoprire i risultati dei singoli piloti, il loro commento o il punto di vista dei Team. (ultimo aggiornamento 27/04/2021 12:50)

Un Rally Adriatico molto formativo per Rachele Somaschini

Team Bassano di ritorno dal Medio Adriatico

BENE AVANDERO-TRICOLI DELLA SQUADRA CORSE CITTA’ DI PISA AL RALLY DELL’ADRIATICO 2021

3° Rally Storico del Medio Adriatico | “Lucky” c’è e non perdona

Sfortuna al 28° Rally Adriatico di M33 per Paolo Andreucci

Tra i colpi di scena successo di Alessandro ed Emiliano Tinaburri al Baja Rally Adriatico nel tricolore Side by Side

​Rally Adriatico amaro per Paolo Andreucci e Francesco Pinelli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright T.V.R. © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.