Roberto Gobbin guida l’assalto dei pinerolesi al Rallye Monte-Carlo

Il pilota pinerolese inizia la stagione coronando il sogno di partecipare al rallye più iconico della storia: il Monte-Carlo.
Lo fa cercando di ripetere l’impresa dell’unico altro pinerolese che partecipò alla gara monegasca, Luciano Trombotto, che nel 1970 terminò 28° assoluto. E lo fa con una 124 Abarth Rally, curata da Evo Motorsport, che è la diretta discendente di quella 124 Spider. A fianco di Gobbin ci sarà il navigatore della Valle Belbo Fabio Grimaldi e gli faranno da ricognitori i rallisti pinerolesi Bruno Godino e Stefano Bruno-Franco. La trasferta di Roberto Gobbin al Rallye Monte-Carlo 2022 sarà supportata dalla concessionaria Targa Auto di Pinerolo.

PINEROLO (TO), 10 gennaio 2022 – Non saranno gli armigeri della contessa Adelaide, signora di Pinerolo attorno all’anno Mille, ma sono ben decisi a conquistare la rocca di Monte-Carlo. Il pinerolese Roberto Gobbin, affiancato dal navigatore langarolo Fabio Grimaldi, sarà della partita al prossimo Rallye Monte-Carlo, in programma nelle montagne della Costa Azzurra dal 17 al 23 gennaio.

Gobbin avrà nella sua squadra anche i rallisti locali Bruno Godino e Stefano Bruno-Franco che svolgeranno il ruolo di ricognitori (quell’equipaggio che transita sulle strade del rally un paio di ore prima dei concorrenti per visionare il percorso), ruolo fondamentale in un rallye dalle mille incognite come la gara monegasca.

“Dopo aver seguito per due anni l’Abarth Rally Cup che si svolgeva sulle strade del Campionato Europeo Rally, c’era voglia di compiere un successivo salto di qualità affrontando una prova del mondiale, e non c’è gara più significativa del Monte-Carlo, un rallye che da solo vale una carriera” precisa Roberto Gobbin mentre si prepara alla trasferta monegasca.

“Ci siamo preparati certosinamente alla gara. Monte-Carlo non è un impegno che si può prendere sottogamba. Micky e Dario di Evo Motorsport hanno rivisto in ogni particolare la vettura e anche Bruno Godino e Stefano Bruno-Franco, due rallisti di grande esperienza, si sono preparati coscienziosamente all’evento. Confesso che sono emozionato come non lo sono mai stato in precedenza. Essere probabilmente l’unico equipaggio italiano al volante di una vettura italiana in gara (al momento attuale non è stato ancora diffuso l’elenco iscritti) carica di responsabilità e orgoglio. Il Rallye di Monte-Carlo è per antonomasia una delle gare più difficili e impegnative del campionato mondiale rallye. Una gara dove la scelta delle gomme è un’eterna lotteria, in quanto le condizioni meteorologiche a volte cambiano anche all”interno della stessa prova speciale, poiché si parte su un versante della montagna, si arriva allo scollinamento e ci si tuffa in discesa nella valle successiva. Si passa repentinamente dalla strada innevata o ghiacciata all’asfalto secco completamente asciutto o viceversa, dipende dall’esposizione. Per questo motivo è necessario avere una grande sintonia con i ricognitori che debbono essere dei rallisti esperti e saper fiutare le condizioni della strada, per dare le giuste indicazioni al pilota che affronterà la prova speciale un paio d’ore dopo. Inoltre sono prove del mondiale, con una lunghezza che tocca i venti chilometri su strette strade di montagna”. Gobbin-Grimaldi sono pronti per la gara, che affrontano con il chiaro obiettivo di festeggiare l’arrivo domenica pomeriggio, 23 gennaio, a Monte-Carlo. Perché la pedana di arrivo del rallye più affascinante del mondo è il premio agognato da tutti i piloti.

Il 90° Rallye Monte-Carlo accenderà i motori giovedì 20 gennaio con lo shake down a Saint Agnes alle 9.30 del mattino cui farà seguito la spettacolare partenza da Monte-Carlo alle ore 18.45 per affrontare nel buio della notte due classiche del rallye monegasco: Luceram/Lantosque e La Bollène-Vésubie-Moulinet. Venerdì 21 gennaio altre tre prove speciali da ripetere due volte: Roure/Beuil, Guillaumes/Péone/Valberg e Val de Chalvagne/Entrevaux; sabato 22 gennaio ancora cinque tratti cronometrati: Le Fugeret/Thorame-Haute, affrontata una sola volta e il doppio passaggio sulla Saint Jannet/Malijai e Saint Geniez/Toard. Gran finale domenica 23 gennaio con due prove ripetute La Penne/Collongues e Briançonette/Entrevaux, prima della conclusione, sogno da sempre di tutti i rallisti, del palco arrivi a Monaco alle ore 15. Il Rallye Monte-Carlo 2022 si sviluppa su 17 prove speciali per un totale di 296,03 chilometri cronometrati.

Nella stagione 2022, Roberto Gobbin è supportato dalla concessionaria Targa Auto di Pinerolo. 

 

Cosa ne pensate? Commentate sui vari social di TopVideoRally, la vostra opinione è importante per noi!

Facebook: https://bit.ly/tvrallyfb

YouTube: https://bit.ly/tvrallyt

Instagram: https://bit.ly/tvrallyig

Twitter: https://bit.ly/tvrallytw

Telegram: http://bit.ly/tvrallytg

TikTok: http://bit.ly/tvrtiktok

Gruppo WhatsApp: https://bit.ly/tvrgroup

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.