Hollie McRae GUIDA la sua PRIMA auto da Rally in assoluto

Fonte Notizia: DirtFish.com

Da lontano, ho tenuto d’occhio tutte le cose DirtFish per un po’ di tempo ormai. In alcune occasioni, ho avuto l’opportunità di filmare alcuni contenuti sui social media con il team nel Regno Unito e ho tenuto d’occhio i post sui progressi di mio cugino Max McRae.

La mia esperienza con DirtFish, tuttavia, è stata elevata quando sono stata invitata a Washington per prendere parte all’ultimo programma All-Women.

Prima del mio viaggio, ero sia eccitato che apprensivo per l’esperienza.

Ho passato anni della mia vita a farmi chiedere dai fan desiderosi di mio padre se seguirò mai le sue orme.

La colpa è della mia stessa incertezza, dell’aspettativa percepita o dell’indole nervosa di mia madre, ma la risposta è sempre stata: “Non credo sia per me”.

Suppongo che ci sia sempre stata una parte di me che si è chiesta come ci si sente a guidare sulla ghiaia a velocità e con coraggio, lanciando con precisione un’auto da rally dietro una curva: immagini di Hollie, 12 anni, con il piede sinistro che frena su pedali immaginari nella sua camera da letto mi viene in mente.

Nel mondo reale, tuttavia, la mia esperienza di guida si estendeva a un record pulito e a un’abilità abbastanza coerente nel parcheggio parallelo inverso.

Quindi, come sono finito al quartier generale di DirtFish? C’erano alcune ragioni per cui questo fosse il “momento giusto” per Hollie McRae per sedersi finalmente al lato del guidatore di un’auto da rally.

In primo luogo, qui a Snoqualmie, non c’è una persona con il cognome ‘McRae’. Non è che presumo che il mio nonno, Jimmy McRae, punterebbe il dito e si piegherebbe dalle risate se non riuscisse a dare una svolta alle sue capacità. Piuttosto, suppongo, è semplicemente che gli occhi degli estranei sembravano meno scoraggianti di quelli della mia famiglia, che voglio solo impressionare.

In secondo luogo, qui il margine di errore sembrava oscillare maggiormente a mio favore. Auto su misura, istruttori addestrati (assicurati) e una pista che numerosi principianti avevano percorso con successo. Mi sono sentito molto più a mio agio in questo ambiente che con l’idea di lanciare mio nonno di 78 anni in giro per un campo in un’auto WRC carica di storia.

 

E infine, la prospettiva di essere circondata da donne che la pensano allo stesso modo, solidali e toste per la giornata sembrava troppo bella per rifiutare.

Domenica 28 agosto è sembrato scorrere molto velocemente e prima che me ne rendessi conto, ero seduto nella McRae Room (che bello!) Ad ascoltare Michelle Miller che spiegava i fondamenti del controllo dell’auto a me stesso e ad altri nove ansiosi ascoltatori.

“Trazione, visione, trasferimento di peso”: tutte parole che avevo sentito in innumerevoli video di YouTube che analizzavano la guida di mio padre e le sue prestazioni nei rally passati. Ma ora toccava a me impararli, capirli e usarli per far fare a una Subaru WRX STI quello che volevo che facesse.

 

Quando il nostro tempo in classe era giunto al termine, abbiamo afferrato i nostri caschi e siamo partiti per il nostro primo esercizio sullo Skid Pad. Quando mi sono allacciato nervosamente all’auto 227, ho incontrato la mia prima sfida della giornata: la portiera del conducente era dove avrebbe dovuto essere la leva del cambio.

Essendo scozzese, ho sempre guidato un’auto con guida a destra solo sul lato sinistro della strada. Sorprendentemente, tuttavia, ho provato a cambiare marcia nella tasca della portiera solo una volta e in poco tempo Michelle, l’auto 227 e io siamo caduti abbastanza al ritmo. Stranamente, ascoltando e lavorando con qualcuno che sa cosa stanno facendo, impari una o due cose!

La mia esperienza di guida nel programma All-Women è quella che non dimenticherò in fretta e faresti meglio a credere che tutti a casa saranno stufi di sentire parlare del Boneyard in men che non si dica.

 

Grazie a DirtFish, ea Michelle in particolare, sono stato in grado di fare cose con un’auto che avevo sempre sognato sarebbero state possibili.

In termini di frenata del piede sinistro, Hollie di 12 anni ha camminato in modo che una Hollie di 23 anni potesse correre.

Mentre facevo slalom attraverso i coni e scivolavo dietro gli angoli, ho iniziato a capire – e sentire – parte di ciò di cui ho sentito parlare così appassionatamente mio padre tanti anni fa.

La lingua straniera dei rally ora sembra un po’ più facile da decifrare.

Non sto dicendo che mi vedrai presto su un podio, ma forse la prossima volta che ci sarà una parata delle auto di mio padre, sarò in grado di guidare più della Subaru Series McRae da strada. Che ne dici di quello!

Cosa ne pensate? Commentate sui vari social di TopVideoRally, la vostra opinione è importante per noi! Clicca QUI per scoprire dove trovarci sui Social Network!

Vuoi entrare nel nostro GRUPPO di APPASSIONATI di Motorsport e confrontarti con altri UTENTIClicca QUI, e non te ne pentirai!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.