Il FUTURO del NUOVO Rally Int. del Galles

Rally internazionale nel Galles centrale. Pensa a Dyfi, Myherin, Hafren, Sweet Lamb. Splendidi palchi di ghiaia, iconici nel nome e per natura. Fonte notizia: DirtFish.

Ma non lo scorso fine settimana. No. Prova invece Devils Bridge, Llanfihangel, Bont Goch e Pendam.

Rali Ceredigion sta, semplicemente, aprendo nuovi orizzonti. Dimentica le strade forestali di ghiaia, l’unico rally internazionale che ora esiste in Galles si tiene sulla roba nera.

Chiedi a questo autore (che morirà felicemente sull’albero maestro che il rally su asfalto è meglio di quello su ghiaia) ed è una cosa superba. Ma, per essere più seri per un secondo, è un cambiamento innegabilmente grande per un paese che, prima di Rali Ceredigion, ha ospitato solo raduni su asfalto sulle gamme militari di Epynt piuttosto che strade pubbliche chiuse.

 

Rali Ceredigion è nato nel 2019 dopo che le modifiche al Road Traffic Act hanno consentito ai team organizzatori di rally del Regno Unito di sospenderlo e ospitare un evento su strade chiuse agli utenti della strada di tutti i giorni.

I piani iniziali per organizzare un evento sono stati elaborati in cui vengono realizzate tutte le buone idee.

“Penso che sei, sette, otto di noi si siano riuniti in un pub giù ad Aberaeron e praticamente abbiamo iniziato a parlare”, dice a DirtFish Phil Pugh, ex copilota professionista e presidente del comitato organizzatore di Rali Ceredigion.

“Abbiamo detto ‘beh, sarà un grande lavoro, non possiamo farlo da soli, quindi è qui che abbiamo avuto l’idea di quattro club automobilistici insieme'”.

Quindi, mentre la maggior parte dei raduni sono organizzati da uno o forse due club automobilistici, il Newtown & District Automobile Club, l’Aberystwyth District Motor Club, il Lampter & District Motor Club e il Teifi Valley Motor Club sono tutti coinvolti nella realizzazione di Reli Ceredigion.

“Abbiamo preso la strada per Motorsport UK nel settembre del ’18 e ci è stato detto ‘puoi organizzarne uno per il 2020.’ E ho detto ‘no, ne organizzeremo uno per il 2019′”, continua Pugh.

“Hanno detto ‘non lo farai’ e io ho detto ‘non ci conosci, siamo dei bastardi laboriosi e lo faremo.’ Quindi entro la fine di novembre avevamo compilato i libri di configurazione per le fasi e li abbiamo inviati a loro e hanno detto “ok, possiamo vedere dove stai andando”, quindi nel 2019 abbiamo terminato il primo evento.

“C’è voluto molto per convincere tutto il tempo, se vuoi, le persone vedono qualcosa di nuovo in arrivo e sono un po’ stanche.”

Rali Ceredigion è sicuramente arrivato con il botto, poiché le prime edizioni hanno attirato molta attenzione.

Il primo anno è stato un successo, ma l’evento di quest’anno ha alzato la posta in quanto ha raddoppiato il chilometraggio della tappa, è diventato un evento di due giorni ed è stato inserito come un round di quattro campionati, tra cui il British Rally Championship e il Tour European Rally, per completare il suo campionato internazionale stato.

Non è un’impresa da poco per un rally che si era svolto solo una volta prima del 2022.

“Quando è arrivata la pandemia i pali della porta cambiavano continuamente, ma alla fine del 2020 abbiamo deciso che il ’21 non sarebbe successo comunque, quindi l’abbiamo messo in secondo piano, ma poi ci è venuta l’idea del palco di Aberystwyth street perché non era nei nostri piani originali”, dice Pugh.

 

“Così abbiamo pensato di renderlo più grande e migliore, cosa che quando siamo un’organizzazione di un solo anno comunque era una richiesta giusta. Per ottenere un finanziamento extra a bordo, dovevamo ottenere lo status internazionale e poi ci è voluto molto per convincere perché non avevamo l’esperienza come organizzazione.

“Siamo fondamentalmente quattro club motoristici che si sono uniti per fare il primo evento nazionale, quindi dovevamo andare, non cappello alla mano, ma chiedere alle persone giuste con la giusta esperienza di unirsi a noi. E per essere onesti, non ci è voluto molto, il che è stato fantastico perché forse hanno visto quello che abbiamo fatto nel ’19 e hanno pensato che valesse la pena, se vuoi.

“Ci hanno sicuramente fornito la loro esperienza e migliorato l’evento, quindi questo è dovuto ad Andy Gilmore, il nostro addetto al corso dall’Irlanda del Nord. In passato ha corso il Circuit of Ireland e ha guidato il suo Down Rally di successo, e poi hai a bordo qualcuno che ha avuto anni e anni di esperienza del Rally GB Andy Smith sul lato della sicurezza, quindi utilizzare la loro esperienza ci ha aiutato .

“Dovevamo solo imparare da loro. È andata così, e poi Charlie Jukes dal lato marketing ha fatto la sua magia con i consigli e gli sponsor e cosa non per convincerli che valeva la pena fare Rali Ceredigion.

“Penso che abbia dato i suoi frutti”.

La dimensione della folla ad Aberystwyth sabato sera è stata una chiara prova che ne è valsa la pena. Ma mentre l’atmosfera della città elettrizzava la folla, erano i vicoli nelle brughiere ad elettrizzare i conducenti.

 

DirtFish non ha avuto la possibilità di fare una ricognizione adeguata delle piste di campagna, ma quando Hayden Paddon, vincitore del Campionato del mondo di rally, le classifica come le migliori tappe su asfalto che abbia mai fatto, lo consideriamo un segnale positivo!

Le strade erano incredibilmente strette, ondulate, tecniche, veloci e spietate. Quando un rally può reclamare uno scalpo come il quattro volte campione britannico Keith Cronin (che non si era schiantato correttamente con un’auto da rally dal 2017 prima dello scorso fine settimana), allora sai che è una sfida.

E anche le tappe sono intrise di storia. Forse non (ancora) in termini di rally a tappe, ma nella scena dei rally su strada sono iconici. È qui che molte leggende dei rally gallesi si sono fatte le ossa.

“Ti dirò che la maggior parte dei ragazzi di rally su strada ha sempre sognato di radunare su quelle strade, quindi fondamentalmente questa è solo una progressione di quello”, spiega Pugh.

“Quello era il mio sogno. Quando avevo 24 anni, ora ne ho 52, ho proposto un raduno su strada chiusa e ho ancora le mappe!”

E Pugh è stato così gentile da condividerli con DirtFish (vedi sotto). Si può certamente dire che il suo sogno è diventato realtà, anche se era all’interno del quartier generale del Rally invece che là fuori lui stesso.

Ma il feedback che ha ricevuto è stato molto incoraggiante: “È enorme e ieri ho ricevuto un messaggio da qualcuno che ha già gareggiato su Ypres e per me Ypres è una delle migliori imprese al mondo.

“E lo ha paragonato a Ypres, e ha detto che era buono come se non migliore di Ypres e io ero come ‘jeepers’. Ma per me, e questa è la parte disgustosa per me, ci ho messo tutto questo duro lavoro ma non ho mai visto un palco. Ero nel quartier generale del rally!

 

“Quindi non l’ho visto e sentito, quindi mi affido solo alle persone che me lo dicono. Ma è bello sentirlo, e questa mattina ne ho avuti un altro paio da altre persone ed è molto bello vedere ad essere onesti.

“Umiliante – in una parola, umiliante”.

Il riferimento a Ypres come un’avventura imprenditoriale è fondamentale per capire cosa si propone di fare Rali Ceredigion.

Da quando ha corso per la prima volta non è stato disposto a essere solo un altro rally, ma invece ha cercato di avere un impatto reale.

 

Ecco perché è diventato il primo evento nazionale del Regno Unito a implementare zone dedicate ai fan nel 2019 con servizi di autobus park and ride offerti nel tentativo di ridurre l’impronta di carbonio e quest’anno ha implementato anche zone multimediali.

Con una vera spinta a rendere il rally il più ecologico possibile, c’erano persino piani per diventare completamente senza carta, con iPad noleggiati a tutti i concorrenti invece di qualsiasi opuscolo.

“Il motorsport non è ancora così verde come dovrebbe essere, ma stiamo cercando di arrivarci”, spiega Pugh.

“Probabilmente abbiamo ridotto di un terzo le nostre scartoffie rispetto al 2019, quindi è un buon passo, ma possiamo andare molto oltre, quindi sta ancora procedendo. Dobbiamo persuadere MSUK che non hai davvero bisogno di tutte queste scartoffie.

“Abbiamo anche pensato di noleggiare iPad per tutti in modo che tutti ne abbiano uno e un tablet sia di buone dimensioni – non c’è nessun ‘Non potrei vederlo sul mio telefono'”.

Ma l’attenzione ai dettagli si estende anche alle cose più piccole, come gli archi di marca simili a quelli che vedresti in un evento WRC o European Rally Championship alla fine di alcune fasi.

In breve, il team organizzativo è molto ambizioso. 

Rali Ceredigion non è solo una manifestazione, è un’impresa commerciale. E non è un caso.

Per me, un rally è un business. È commerciale. È al 200% un businessPHIL PUG

“Penso che la più grande rovina dei rally britannici in questo momento e il motivo per cui molti eventi sono andati persi sia perché, per me, un rally è un affare. È commerciale. Quindi hai bisogno di un responsabile commerciale”, dice Pugh.

“Charlie Jukes – ha fatto un lavoro assolutamente fantastico nel portare avanti l’evento come sai. E altri eventi forse hanno ristagnato perché, non voglio dire che sia vecchia scuola, ma non hanno pensato così tanto al lato commerciale ed è allora che faranno fatica.

“Forse quando le persone guardano i nostri libri – perché saranno tutti online perché siamo limitati – penseranno ‘Gesù Cristo hanno speso un sacco di soldi’. Ma potremmo anche aver fatto un po’ di soldi, mentre se vai a chiedere molti eventi, non fanno soldi.

“È un equilibrio in questo modo, ma è un business. Al 200% è un business e devi affrontare il fatto che è così”.

 

Quando DirtFish dice a Pugh che l’intero team organizzativo sembra attribuire un grande onere non solo a fare ciò che è stato fatto prima, Pugh aggiunge: “Penso che sia merito del personale che è dentro e intorno a noi.

“C’è molta esperienza lì, forse non dall’organizzazione di un rally, ma da persone che sanno cosa vogliono vedere e hanno gareggiato per molti anni all’estero, ho gareggiato per 12 anni all’estero.

“Quindi ogni giorno è un giorno di scuola, e le cose che hai visto provi a prendere a bordo e implementare nell’evento. Sì, come dici tu è abbastanza facile stare fermi, ma siamo progressisti, ma non vogliamo andare troppo avanti se capisci cosa intendo.

“Soprattutto perché sappiamo cosa accadrà nei prossimi 12 mesi con difficoltà per tutti, e questo è forse un altro fattore su cui dobbiamo temperare un po’ la nostra ambizione e fare qualcosa di realistico.

 

“Perché questa è la realtà del 2022 e del qui e ora: le persone avranno tempi difficili ora, quindi dobbiamo essere molto consapevoli di questo. Inoltre abbiamo fatto un lavoro fantastico con il nostro aspetto ambientale, ottenendo l’accreditamento FIA: a parte il Rally GB, siamo il primo evento ad averlo”.

Qual è allora questa ambizione? Pugh dice che il team potrebbe aver bisogno di temperarlo, ma cosa potrebbe essere stato?

Molte discussioni sui parchi di servizio hanno collegato il rally all’ERC, potenzialmente già dal prossimo anno. È davvero sul radar?

“Probabilmente avremmo detto di sì, e come ho detto, l’internazionalizzazione ci aiuta dal punto di vista commerciale”, ammette Pugh.

“Certo, se riusciamo a ottenere un po’ di finanziamento, coinvolgere altri partner, allora probabilmente sì, la progressione sarebbe ERC. Ma tutti sanno che è un passo enorme, probabilmente non da come abbiamo gestito l’evento, ma dal punto di vista del finanziamento è enorme.

“Quindi dobbiamo pensare a lungo e duramente, ma non esagerare nelle nostre ambizioni. E dobbiamo rimanere fedeli anche ai clubmen perché gestiamo lo status di interclub e internazionale, che hai visto l’enorme varietà di auto che avevamo ed è stato fantastico.

“Probabilmente è l’unico sport in cui puoi provare a vincere un campionato del mondo. Hayden Paddon, vincitore del Rally Argentina, e tu hai Joe Bloggs che ci prova.

 

“Quel lato delle cose penso sia geniale e dobbiamo continuare su questo andando avanti”.

Rali Ceredigion, quindi, è qui per restare. Come ha detto prima Pugh, a volte una cosa nuova può rendere gli altri cauti o addirittura sospettosi, ma la direzione in cui sta andando questo team organizzativo deve semplicemente essere applaudita.

Sarebbe facile semplicemente seguire la folla e organizzare un solido rally su strada chiusa, ma questo non è lo stile di squadra di Rali Ceredigion. Sono determinati a aprire nuove strade e pensare fuori dagli schemi in un momento in cui i rally nel Regno Unito sono forse lo stato più debole in cui siano mai stati.

Chissà dove potrebbe andare, ma forse, in fondo, il Galles non mancherà per sempre nel calendario mondiale dei rally.

Cosa ne pensate? Commentate sui vari social di TopVideoRally, la vostra opinione è importante per noi! Clicca QUI per scoprire dove trovarci sui Social Network!

Vuoi entrare nel nostro GRUPPO di APPASSIONATI di Motorsport e confrontarti con altri UTENTIClicca QUI, e non te ne pentirai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.