Quella volta in cui un equipaggio WRC ha trascorso un’ORA a 200 metri dal PERICOLO

Ecco l’incredibile storia riportata dal sito DirtFish.

Spesso un’ora può sembrare una vita. Conosciamo tutti quella sensazione quando guardi l’orologio, desiderando che i prossimi 60 minuti passino il più velocemente possibile.

Ma nessuno di noi può reggere il confronto con ciò che Luke Anear e Allan Harryman hanno vissuto lo scorso fine settimana al Rally di Spagna: seduti bloccati, appesi sul bordo di un dislivello di 200 metri per un’ora intera. Nell’oscurità. Impossibilitato a muoversi.

Le prime parole che ci aspettavamo di sentire da Anear quando gli abbiamo parlato domenica scorsa non sono state “è stato un bel weekend alla fine”, ma questa è la differenza tra noi comuni mortali ei piloti del World Rally Championship.

“È iniziato con un venerdì piuttosto agitato appeso al fianco di una montagna, ma è andato tutto bene”, ha detto Anear.

“Siamo solo migliorati sempre di più, lavorare con Allan è stato fantastico e abbiamo dovuto perfezionare le note, siamo rimasti svegli fino a tardi la notte scorsa per apportare alcune modifiche e oggi è stata una giornata migliore”.

Ma che dire di quel momento? Come hanno fatto Anear e Harryman a finire in bilico sull’orlo del pericolo, a un attimo di distanza da loro che precipitavano nella natura selvaggia?

“Penso che Al volesse annusare dei fiori o fare qualcosa, facendo il tour panoramico”, rise Anear.

“Siamo appena entrati in una tre a sinistra ed è caduto abbastanza forte nel taglio, i tagli sono diventati piuttosto profondi, e questo ci ha buttato fuori dalla linea e poi siamo scivolati fuori strada molto, molto lentamente e poi lentamente abbiamo iniziato a scivolare lungo il lato della montagna.

“Ci siamo fermati a circa 20 metri più in basso, ma non ci stavamo riposando su nulla, quindi non potevamo davvero muoverci o scendere dall’auto, quindi siamo rimasti bloccati lì per un’ora”.

Le auto da rally non sono progettate per il comfort, sono progettate per la velocità e nove volte su 10 qualsiasi pilota di rally ti dirà che il comfort è un sacrificio che sono più che felici di fare.

Ma in quel momento, legati da un’imbracatura a sei punti con attrezzatura da gara completa, ciò che Anear e Harryman avrebbero dato anche per una radio – per non parlare di un comodo sedile o di un rinfresco.

Tuttavia, la loro situazione era molto più semplice di così. Qualsiasi sussulto o movimento improvviso e l’auto sarebbe rotolata giù per la collina.

“C’era un dislivello di circa 200 metri più in basso ed eravamo troppo spaventati per fare qualsiasi cosa”, ha ricordato Anear, “quindi abbiamo avuto alcune chat in quell’ora e abbiamo avuto modo di legarci e conoscerci abbastanza bene!

«E poi, una volta che hanno legato una fune all’auto e l’hanno assicurata, siamo riusciti ad arrampicarci fuori.

“Di sicuro è stata l’ora più spaventosa che abbia mai avuto, solo per tutto il tempo pensando ‘se rotolassimo giù da questa montagna’”, ha aggiunto Anear, mettendo con fermezza la prova in prospettiva, “e poi quando è arrivato il soccorso, gli aiutanti, volevamo solo assicurarci che non toccassero l’auto fino a quando non fosse stata sicura, perché tutto ciò che sarebbe servito era il minimo tocco”.

L’atmosfera all’interno della sofferta Fiesta Rally2 non era però di paura. Invece, guidatore e copilota stavano semplicemente facendo del loro meglio per distrarsi a vicenda dal pericolo molto ovvio.

“È divertente, raccontavamo barzellette e chiacchieravamo e penso che non volevamo pensare troppo all’ovvio, stavamo cercando di distrarci”, ha detto Anear.

“Ma ho tenuto il piede sul freno per 40 minuti fino a quando la mia gamba tremava così tanto che ho pensato che avrebbe destabilizzato la macchina, quindi l’ho lentamente rilasciata ed era ancora in marcia, quindi non si muoveva.

“Ma sì, è stato un periodo interessante. Ehi, ne siamo usciti, abbiamo abbracciato i soccorritori ed eccoci qui”.

Harryman è un veterano di 250 partenze nei rally, ma dopo quella prova non dimenticherà presto il suo primo al fianco di Anear.

“Ari [Vatanen] diceva sempre che se ti schianti in Finlandia non vuoi colpire un albero, ma se ti schianti a Monte Carlo vuoi davvero colpire un albero”, ha detto Harryman.

“Avremmo potuto fare con un albero.”

Ciò che alla fine li ha salvati da una caduta terrificante è stata una roccia conficcata sotto il davanzale della porta, che ha effettivamente tenuto ferma l’auto da 1200 kg.

Ma in modo affascinante, questo è stato un caso in cui la storia si è ripetuta per la famiglia Harryman poiché il padre di Allan, Terry, ha vissuto uno scenario simile 40 anni prima.

“Malcolm [Wilson] ne ha sentito parlare e in realtà lui e mio padre hanno avuto un momento simile in Portogallo un anno al buio, dove anche una roccia li teneva al loro posto”, ha spiegato Allan.

“Non è così bello quando non puoi vedere e non puoi muoverti. Ma sarà un buon libro! Il venerdì sera sembrerà molto meglio d’ora in poi…”

La prossima volta che ti ritroverai con un’ora da uccidere, sappi solo che potresti andare molto peggio.

 
 

Cosa ne pensate? Commentate sui vari social di TopVideoRally, la vostra opinione è importante per noi! Clicca QUI per scoprire dove trovarci sui Social Network!

Vuoi entrare nel nostro GRUPPO di APPASSIONATI di Motorsport e confrontarti con altri UTENTIClicca QUI, e non te ne pentirai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.